Serravalle Slow a Vittorio Veneto

23-25 settembre 2016
Vittorio Veneto (TV) – Serravalle

 


Saperi del Buon Vivere

Tre giorni di piaceri per la mente, il palato e il cuore riuniti nel nuovo format “Serravalle Slow – Saperi del buon vivere”, progetto che apre l’autunno dell’Associazione Amici del Castrum con incontri culturali, presentazioni di libri, mostra fotografica, laboratori e passeggiate. Un insieme che invita alla ricerca del buon vivere, di luoghi e azioni piacevolmente stimolanti per migliorare il senso del quotidiano, recuperando consapevolezza e semplicità. Tutto questo nella linea della filosofia che Slow Food ha ormai imposto nella nostra società e che approviamo.
Il Buon Vivere Slow, da contrapporre al dominio della Fast Life tutta tesa alla produttività e alle logiche del mercato, recupera la bellezza del paesaggio e dell’ambiente in un’economia sostenibile, stimola lo sviluppo del buon gusto per salvarlo dall’omologazione di massa orientata verso il “basso”.
Riflessioni, confronti e prospettive attorno ai Saperi del Buon Vivere offerti nel week-end di Serravalle Slow 2016, venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 nelle sale e nei giardini del millenario Castrum, che la presidente dell’Associazione Amici del Castrum Ada Marcantonio, coadiuvata da Luisa Baldi, aprirà al pubblico nell’intento di creare un “cortocircuito” di pensiero positivo attorno al senso di un’esistenza felice e sana.
Si tratta di una manifestazione “comunitaria” nel senso che intorno al progetto oltre agli Amici del Castrum si sono attivate varie realtà della cultura di Vittorio Veneto: OggiTreviso giornale online, Libreria il Punto, Grafiche De Bastiani. Kellermann editore, IAM, Cansiglio Prealpi Hiking.
Le tre giornate si aprono nel nome di Goffredo Parise a trent’anni dalla morte (Treviso, 31 agosto 1986), scrittore vicentino che ha lasciato una profondissima traccia nella letteratura italiana, cantore dei sentimenti umani e della serenità dei paesaggi veneti: nell’Enoteca del Castrum verrà inaugurata (23 settembre, ore 18.30) la mostra con le fotografie di Lorenzo Capellini pubblicate nel libro “Veneto Barbaro di muschi e nebbie” di Parise (Edizioni Minerva, 2016).
Ancora letteratura con il laboratorio di scrittura “dal vero” condotto dallo scrittore padovanoRomolo Bugaro (24-25 settembre).
Anche per “Un Castello di parole: scrittori/scritture a confronto, dal manoscritto al best seller”, incontri della domenica pomeriggio (dalle 16.30, nei Giardini del Castrum), a cura diArabella Bertola in collaborazione con il Premio Calvino. Partecipano il presidente del Premio letterario Mario Ugo Marchetti e gli scrittori Daniel Di Schuler, Fabio Massimo Franceschelli, Antonio G. Bortoluzzi, Maria Pia Veladiano e Fulvio Ervas con Alessandro Cinquegrani e la traduttrice Matilda Colarossi.
Il Buon Vivere stimolato dal piacere di autentici sapori italiani è al centro della officina del gusto (sabato 24 settembre, ore 16): Liscio come l’olio, buono come il pane: olio d’oliva “vero” e pane “sincero”. Conversazioni attorno a due eccellenze della tavola mediterranea, format a cura della giornalista Cristiana Sparvoli. Un primo talk sarà dedicato all’olivicoltura tra lago di Garda e Alto Adriatico. Vi partecipano i produttori Laura Turri, Franco Vettoretti, Sebastiano Baccichetti, Aleksandra Vekic intervistati dal critico enogastronomico Maurizio Potocnik
(Guida Best Gourmet Alpe Adria).

 

 

vittorio_1


Secondo confronto sull’arte bianca che racconta il valore del pane artigianale (ospiti lo chef stellato Donato Episcopo, Tiziano Bosco del Gruppo Panificatori Treviso, Wladimiro Gobbo dei Poeti della Sopa Coada).
Inoltre spazio al “sapore delle parole”: saranno presentati dagli autori i libri “Il genio del gusto” (Garzanti) del giornalista e scrittore Alessandro Marzo Magno, “Passione extravergine” di Tano Simonato, chef stella Michelin del ristorante “Tano Passami l’olio” di Milano, mentre Giampiero Rorato introdurrà “Vini e Cicchetti – Guida alle Osterie della Marca Trevigiana” di Marco Gottardi (Dario De Bastiani Editore).

Ma anche il palato, avrà la sua parte con la degustazione di olio d’oliva extra vergine e pane artigianale, ed il brindisi con il Prosecco Superiore DOCG DEA Rivalta di Valdobbiadene.
Ancora di pane e olio nella tradizione povera da nord a sud si parla nella cooking class condotta da Omar Lapecia e Saverio Bivona, docenti dell’Alberghiero “Beltrame” di Vittorio Veneto (domenica 25 settembre, ore 11, Sala Sofia del Castrum).
Nello stesso giorno, alle 15 sarà proposto il laboratorio di pittura attiva a cura di Susanna da Cortà Colorare le Dolomiti, Kellerman editore, (ingresso libero).

Agli appassionati di passeggiate nella storia è dedicata l’iniziativa Il castello e la gola di Serravalle, organizzata da Prealpi Cansiglio Hiking (partenza alle 10.30 da Piazza Flaminio, domenica 25 settembre).

E sarà un’altra officina del gusto a chiudere l’ultimo giorno di Serravalle Slow: la presentazione della Boschera IGT Colli Trevigiani nell’ Enoteca/Circolo al Castrum, Vetrina del Prosecco Superiore che resterà aperta nei giorni della rassegna per offrire un ulteriore spazio ai Saperi del Buon Vivere.
In allegato il programma dettagliato della tre giorni di Serravalle Slow 2016 con ospiti, appuntamenti, orari, luoghi e contributo richiesto per la partecipazione ai laboratori.

 

 

vittorio

Associazione Amici del Castrum affiliata ASI
0438.928029 – 348.4238334

Sito Web

Facebook

Twitter

castello@serravallefestival.it